Top Boy

Top Boy è una serie tv inglese, presente su Netflix, che secondo noi è stata erroneamente messa in secondo piano, come molte altre. Per questo vogliamo presentarvela e riviverla insieme. Senza troppi spoiler per chi non l’avesse ancora vista.

La serie è ambientata a Londra, in un quartiere malfamato. Sostanzialmente punta a raccontare la realtà fatta di violenza e sofferenza tipica dei quartieri poveri. Con quest’obbiettivo la narrazione vive parallelamente di due storie:

Quella di Sully e Dushane, due spacciatori che si occupano della distribuzione nella zona e che puntano in alto. Sono rispettati e osannati come eroi in tutto il blocco. Danno lavoro ben pagato a tanti, e si fanno ben volere da tutti facendo i benefattori. Dushane è la mente, freddo, sveglio e calcolatore. Sully invece è più impulsivo, più violento e cattivo. I due cominciano dalla prima puntata una scalata al tanto ambito potere, che però porta con se più problemi di quanti si aspettassero.


Quella di Ra’Nell, un ragazzino diligente e responsabile, cresciuto senza un padre e costretto ad occuparsi di sua madre, che soffre di una grave depressione. Insieme al migliore amico Gem, molto meno diligente e sveglio di lui, cerca di stare lontano dai guai, ma nel ghetto saranno i guai a trovare loro.


Per farvi capire meglio lo stile e la tipologia di di serie di cui stiamo parlando mostreremo di seguito alcune tra le scene che più ci sono piaciute, estratte esclusivamente dalla prima stagione. Allarme spoiler, siete avvisati.

Questa è la scena iniziale dell’ intera serie. Ra’Nell affacciato alla finestra di casa sua assiste al furto, da parte della banda rivale di Dushane e Sully, di una partita di droga. In questa scena si capisce subito il bipolarismo della serie, che si divide tra la violenza dei gangster e la quotidianità di un ragazzino. “So fuckin what?!” è la risposta di Sully quando la ragazza che era di guardia all’ auto si lamenta di essere stata schiaffeggiata, ma anche ciò che sembra affermare la faccia di Ra’Nell mentre assiste all’ evento mangiando i suoi cereali con disinteresse.
Non perderemo tempo a spiegare e vicissitudini che portano a questo evento. Ci limiteremo a lasciare parlare queste immagini in una scena che è un misto fra la brutalità di Tarantino e la ferocia dei Gangster Scorsesiani.
Scena semplicemente epica, quante volte avremmo voluto mandare K.o. una professoressa come fa questo BadBoy inglese? Il momento è di tensione e vuole probabilmente anche essere serio nelle intenzioni del regista, ma a noi un sorrisino è scappato.
Abbiamo scelto questa scena perchè mostra in pochi minuti la personalità dei quattro personaggi principali. Ra’Nell, il ragazzo diligente, Gem, il ragazzo un po’ ingenuo e scherzoso, Dushane, il capetto del quartiere e Sully, il suo braccio destro.


Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *